›  
›  

Il 16 Maggio - conclusi a Cefalù i lavori del primo incontro del progetto “ECHOES”, Network Europeo di città ed Organizzazioni per la promozione del Patrimonio Culturale

Il 16 Maggio scorso si sono conclusi a Cefalù i lavori del primo incontro del progetto “ECHOES”, Network Europeo di città ed Organizzazioni per la promozione del Patrimonio Culturale come strumento di inclusione sociale, finanziato dalla Commissione Europea attraverso il programma “Europa per i Cittadini”.

 

Integra Onlus, in stretta collaborazione con il Comune di Cefalù, ha ospitato 16 delegati provenienti da 14 nazioni europee, appartenenti a Stati membri dell’UE e anche a Paesi extra UE quali: Albania, Montenegro e Serbia, per una tre giorni all’insegna della co-progettazione di azioni future a sostegno di iniziative locali ed europee di promozione del patrimonio culturale.

 

L’avvio della iniziativa ha avuto luogo presso la Sala Consiliare del Comune della città normanna, con la presentazione ufficiale dei Partner, l’illustrazione delle varie realtà locali, degli obiettivi e delle attività del progetto ECHOES.

 

In seguito, l’Amministrazione comunale di Cefalù, rappresentata dal Sindaco Rosario Lapunzina e dall’Assessore alle politiche culturali Vincenzo Garbo, di concerto con Klodiana Cuka Presidente di Integra Onlus, ha voluto far vivere un’esperienza culturale unica ai loro ospiti, coinvolgendoli nella visita guidata al Patrimonio di alcuni monumenti e luoghi di interesse storico, culturale, turistico e naturalistico della “ perla del Tirreno” che, dal 2015, fa parte del sito UNESCO "Palermo arabo-normanna e le Cattedrali di Cefalù e Monreale” (Basilica- Cattedrale, lavatoio medioevale, antico porticciolo, itinerario delle mura megalitiche, centro storico, Santuario di Gibilmanna) e anche a una azienda di conserve ittiche e ad una Cantina, oltre a botteghe di artigianato tipico.

Una autentica ‘immersione’ nella cultura e nella realtà imprenditoriale cefaludese, all’insegna del ‘turismo esperenziale’, che ha trovato la sua massima espressione nella degustazione delle eccellenti produzioni enogastronomiche caratterizzate da una ricchezza inestimabile di sapori, profumi e colori del mare e della terra.

 

La chiusura dell’evento ed i saluti finali sono stati accompagnati dal calore della tradizione folkloristica siciliana e dal calore della gente.

 

Per Integra Onlus, Lead partner, questo Progetto è non solo un ritorno alla progettazione comunitaria, ma anche il primo progetto transnazionale nel territorio siciliano.

 

Arrivederci, dunque, al prossimo meeting ECHOES, che si svolgerà in Guadalupa nel mese di Novembre e che metterà al centro il ruolo delle Organizzazioni della Società Civile nella valorizzazione del patrimonio culturale europeo. Come Cefalù e l’Arabo- normanno, questa seconda meta è stata scelta quale esempio di sincretismo culturale frutto dell’incontro fecondo di diversi popoli, culture e tradizioni.

 

Per il Sindaco, Rosario Lapunzina: “ Cefalù è fiera di svolgere il ruolo di città capofila del progetto ECHOES, poiché, storicamente, ha sempre svolto il ruolo di crocevia di popoli, culture e religioni che hanno saputo realizzare una società al contempo esempio di multiculturalità e di espressione identitaria che ha fatto coesistere in pace, senza fonderle, quelle genti diverse per sensibilità e tradizioni che hanno saputo collaborare alla realizzazione mirabile della superba Basilica-Cattedrale ruggeriana, che è, allo stesso tempo, simbolo di un glorioso passato e auspicio di un futuro di pace e amicizia tra i popoli”.

 

Per foto ed info sul progetto è possibile visitare la pagina FB @echoesnetworkoftowns e prossimamente anche il sito web ufficiale www.echoestwinning.eu

Condividi:








Cookies Policy