L’impegno della fondazione “The bridge for future” per i bambini della scuola “Cor Jesu” di Scutari

scutari

scutariINTEGRA ONLUS, associazione di carattere nazionale, è nata nel 2003 a Lecce, con l’intento di creare e contribuire allo sviluppo di una società multietnica e multiculturale che garantisca una reale integrazione tra i popoli. Data la mia esperienza accademica e professionale, mi occupo di progettazione comunitaria e relazioni internazionali, di accoglienza a favore di persone migranti e soggetti vulnerabili e svolgo costantemente attività di advocacy nel campo dell’integrazione multiculturale. Nel 2017 ho anche creato in Albania la Fondazione “The bridge for future” che opera nel campo della solidarietà sociale e dell’integrazione dei soggetti più vulnerabili della società, attraverso la promozione della cultura, della legalità e della pace, della tutela dei diritti umani, civili, sociali, politici, e dell’attuazione delle pari opportunità.

The Bridge for the Future persegue l’obiettivo di creare un ponte tra Italia ed Albania nella tutela dei soggetti più deboli, per contribuire a costruire un nuovo futuro, al fine di supportare la creazione di una società più accogliente, equa ed inclusiva. La nuova sfida va a favore della scuola “Cor Jesu”, costruita nel 1999 dall’Arcivescovo Angelo Massafra e situata nella zona più povera della profonda periferia di Scutari, nel Nord dell’Albania. La mia Fondazione “The bridge for future” ha deciso di sostenere la scuola creando una campagna di raccolta fondi e si farà promotrice in questi mesi di varie attività a carattere nazionale ed internazionale per fornire un contributo economico alla scuola con l’intento di bloccarne la chiusura causa mancanza di fondi.

L’idea è quella di creare un’asta online sul sito della fondazione con capi d’abbigliamento, creando una scheda descrittiva degli abiti, e mettendoli a disposizione di tutti coloro che vorranno acquistarli e contribuire alla nostra iniziativa di beneficenza. La scuola inizialmente voluta dalle Apostole del Sacro Cuore di Gesù che vennero dall’Italia nel quartiere di “Mark Lula” nel 1998 dopo il crollo del governo comunista, è gestita attualmente da suore native albanesi e personale laico. Conta 213 studenti e offre istruzione dall’asilo alla IX classe. I bambini e i ragazzi che frequentano la scuola cattolica “Cor Jesu” non sono solamente di religione cattolica ma anche musulmana. Questo dettaglio è molto importante poiché la scuola apre gli occhi degli studenti al mondo che li circonda “preparando” la società di domani, che ci auguriamo possa essere una società democratica in cui si valorizza ciò che è comune e si rispettano le differenze.

Lo scambio di culture, usi, costumi è quindi un valore aggiunto che la scuola offre per insegnare ai ragazzi il rispetto reciproco. La scuola ha un costo annuo di circa 70 mila euro, un costo molto elevato considerando il fatto che la maggior parte degli studenti che la frequentano provengono da famiglie di basso ceto sociale che non riescono a garantire il pagamento della retta scolastica dei propri figli. Dal 1999 l’Istituto riceve donazioni da vari benefattori ed è sempre riuscita a portare avanti questa grande opera a favore dei bambini, adolescenti e delle loro famiglie disagiate. Attualmente però le donazioni sono diminuite drasticamente e la scuola purtroppo rischia di chiudere a partire da Settembre 2020, ossia il prossimo anno scolastico.

Crediamo che solamente l’istruzione, l’educazione e la cultura può vincere la miseria e ogni forma di schiavitù. Pertanto, riuscire a salvare dalla chiusura la scuola “Cor Jesu” significherebbe garantire un’istruzione adeguata ed un futuro migliore a tutti quei ragazzi che, nati in una zona estremamente povera da famiglie sprovviste dei mezzi necessari per farli studiare, non hanno altra strada che quella dell’istruzione per formarsi, uscire dalla loro condizione di povertà e garantirsi un futuro migliore. In questi 21 anni di attività, la scuola infatti ha formato moltissimi bambini e ragazzi che hanno poi proseguito gli studi universitari, sono attualmente diventati professionisti e ogni giorno lavorano per contribuire al progresso della società.

L’istruzione impartita si basa sull’ispirazione pedagogica di Madre Clelia Merloni (fondatrice delle Apostole del Sacro Cuore di Gesù) la quale accentua l’educazione completa della persona basata nel motto: “L’educazione è un’opera d’amore”. Insieme possiamo fare la differenza e contribuire a questa grande opera, aiutaci ad aiutare! Questa prima collaborazione tra la nostra associazione Integra ONLUS, la Fondazione “Brigde for Future” in Albania e la scuola “Cor Jesu” potrebbe essere solo il primo passo. In futuro infatti, certi che troveremo abbastanza fondi per evitare la chiusura della scuola, avviando gemellaggi con altre scuole  per realizzare insieme attività come gite e attività formative, attività di volontariato, ecc.

La petizione:

“l’educazione e’ un’opera d’amore”!!!!

Il diritto all’istruzione purtroppo in molte parti del mondo non e’ un diritto ma un privilegio riservato a pochi!

Condivido questa campagna che ha l’obiettivo di salvare dalla chiusura una scuola in uno dei quartieri più poveri di Scutari in Albania, dove bimbi e adolescenti studiano ogni giorno per costruirsi un futuro.

Vi chiedo di donare quel che potete, prendete per mano un bambino e portatelo a scuola: e’ questa l’immagine che dovreste immaginare quando farete la vostra piccola donazione…il costo di un caffè’, di un cornetto mancati durante la quarantena, donato che sommato ad altri pagano le spese per far studiare un bimbo…

Aiutaci ad aiutare!!!

https://www.gofundme.com/f/salva-la-scuola-cor-jesu-dalla-chiusura

Un ringraziamento sentito oltre all’Istituto Superiore di Brindisi “Morvillo Falcone, che ha prontamente risposto al nostro Appello, a tutte le altre Associazioni che si sono unite alla Campagna: Lidu Onlus,  Ipathia, MCL Movimento Cristiano Lavoratori, Accademia Minerva, S.O.S per la Vita sezione Poggiardo, Associazione Mediterraneamente, Associazione Anastasis di Roma.

Media partner The Daily Cases

Leave your comment